Alessandro Barbero nasce il 19 aprile 1983.Poco dopo aver imparato a camminare con una certa disinvoltura, sull’onda della passione del padre per il motocross, riceve in regalo la sua prima BMX. A 3 anni già sfreccia senza rotelle. Fino ai 14 anni è molto difficile per lui reperire una bmx in quanto le MTB domina la scena del pedale ed è costretto a cercare ruderi di bmx nelle cascine dei dintorni.

Anche dopo aver ricevuto in regalo uno scooter, la passione per la bmx non lo abbandona. Continua a seguire con interesse questo sport che nel frattempo si sta evolvendo verso il freestyle e grazie alla tv satellitare che trasmette gli X-Games scopre le evoluzioni spettacolari possibili con la bmx.
Il suo mito è DAVE Mirra, l’uomo dei miracoli… E’ grazie ad un amico che decide di comperare, di nuovo, una bmx. Per iniziare seriamente è “bastata” un’alluvione. Quella che nel 1994 colpisce il Piemonte e devasta tutte le strade della sua città che diventano rampe naturali. Davanti scuola Ale prova un “360” e riesce al primo tentativo. Da quel momento non si è più fermato: inizia a partecipare alle prime gare italiane attirando l’attenzione dei primi sponsor, tra cui Red Bull.

All’inizio si divide tra “dirt” e “street”, ma i trick in park sono la sua passione.

Nel 2003 vince il Campionato Italiano e 3 anni dopo conquista i primi posti anche in competizioni internazionali: 1° ai Suzuki BMX Master a Colonia, 2° al Nokia FISE a Montpellier, 1° al King of Paca a Marsiglia e 4° al Red Bull Drenaje in Messico.
Nel 2007 viene eletto freestyler of the Year in Italia, vince I China X-Games, T-Mobile contest a Berlino e si aggiudica il “Best Trick” a Hit The Target.
L’anno successivo, oltre a riconfermarsi tra i leader indiscussi della scena europea, inizia a farsi strada anche in America, patria dei migliori atleti al mondo di Bmx. Si piazza 10 e 11° rispettivamente nella tappa di Cleveland e Orlando al Dew Tour e si qualifica automaticamente per la partecipazione nel 2009.

Un anno quest’ultimo che per Ale inizia molto bene, con un’ottima forma fisica e una serie di primi posti nelle prime 5 gare del tour FISE Experience in Francia.

Il suo unico rammarico è di non riuscire ad allenarsi in Italia, ma di dover passare la maggior parte del tempo che non trascorre in gara al park di Woodward in Pennsylvania, dove esistono strutture più adatte al suo livello.

Un “Woodward made in Italy” sarebbe un sogno…ma forse non così lontano perché l’inaugurazione del suo park nei pressi di Ceva, dove vive, è molto vicina…

A proposito dell'autore

Post correlati

1 risposta

  1. » Ale B nei web Italiani!

    […] per scovare su due importanti portali italiani notizie di Ale! Il primo sito che parla di lui è Sportestremi, un vero portale dedicato a tutti gli sports estremi compresa la bmx, qui potete trovare una bella […]

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata