Prepara l’organismo ad affrontare situazioni di emergenza sul piano fisico ed emotivo. Ormone detto anche epinefrina, secreto dalla sostanza midollare delle ghiandole surrenali insieme a un altro ormone, la noradrenalina o norepinefrina, che è il suo precursore chimico.

L’adrenalina e la noradrenalina sono ammine aromatiche del gruppo delle catecolammine (così dette perché derivate dal catecolo o pirocatechina), che sono sintetizzate nell’organismo a partire da un amminoacido essenziale, la fenilalanina.Una funzione fondamentale dei due ormoni, in particolare dell’adrenalina, è quella di predisporre l’organismo ad affrontare situazioni di emergenza sul piano fisico ed emotivo.

Adrenalina e noradrenalina fungono anche da neurotrasmettitori , cioè da mediatori chimici della trasmissione dell’impulso nervoso attraverso le sinapsi del sistema nervoso simpatico. L’adrenalina è stata il primo ormone a essere isolato in forma cristallina (1901); la noradrenalina è stata isolata nel 1949.

Azione dell’adrenalina e della noradrenalina Quando si determinano condizioni di eccitazione, stress, paura, ansietà o anche di freddo, l’ipotalamo stimola per via nervosa la sostanza midollare dei surreni a produrre adrenalina e noradrenalina, i cui livelli nel sangue crescono fino a raggiungere concentrazioni 300 volte superiori a quelle normali. Attraverso il flusso sanguigno, gli ormoni raggiungono recettori specifici (detti adrenergici) situati nel fegato, nei muscoli scheletrici, nel cuore e nel sistema vascolare, producendo in genere effetti stimolanti, tranne che sul tubo digerente.

Uso farmacologico Farmaci a base di adrenalina sono efficaci specialmente nei casi di crisi ipoglicemica provocata da insulina, di arresto cardiaco, di shock anafilattico e di attacco acuto di asma. La noradrenalina è usata soprattutto nello shock cardiaco e nei gravi stati di ipotensione.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata