Il primo snowboard moderno è considerato lo snurfer (nome che fonde snow e surfer), costruito dall’ ingegner Sherman Poppen per far divertire i figli. L’intento iniziale dell’ingegnere era di produrre una versione casalinga del monosci, ma i figli lo “cavalcavano” trasversalmente dando così l’idea di surfisti sulla neve e così l’inventore pensò di adattare un vero surf da onda aggiungendo dei bordi metallici e di brevettare l’attrezzo col nome, appunto, di snurfer.

Nel 1979 si tenne al Pando Ski Lodge, nel Michigan, il primo “World Snurfing Championship” (Campionato mondiale di snurfing) a cui partecipò anche Jake Burton Carpenter con una tavola di sua costruzione. Tuttavia ci furono molte proteste per la sua partecipazione alla gara con una tavola diversa dallo snurfer, venne perciò istituita una sezione a parte, che fu ovviamente vinta da Carpenter, come unico partecipante. Quella gara è considerata la prima vera gara di snowboarding.

Durante gli anni ’70 e ’80 diversi progettisti rimaneggiarono lo snurfer creando vari modelli con nomi diversi. Alcune migliorie resero gli snurfer più manovrabili, come cinghie per i piedi e flex migliorati, ma fu solo dopo anni di ricerche che il giocattolo diventò un attrezzo sportivo. Fu una visita di Burton in Austria ad alcune aziende sci che accese l’intuizione: la tavola doveva necessariamente prendere spunto da questa tecnologia per fare il passo decisivo: soletta in P-Tex prima, costruzione sandwich e lamine poi, portarono lo snowboard verso l’età adulta e lo proiettarono al di fuori dei campi innevati e verso le stazioni sciistiche. Fondamentale fu l’invenzione di Jeff Grell, all’inizio anni 80, di uno spoiler posteriore per l’attacco, che permetteva la conduzione della tavola sulla neve ghiacciata, grazie ad un feeling e ad una risposta molto migliori.

Oggi si stima che i praticanti di questo sport siano in oltre 3,5 milioni.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata