Bungee Jumping: Storia e Informazioni tecniche

Written by sportestremi. Posted in ARIA, Bungee Jumping

Bungee Jumping: Storia e Informazioni tecniche

Published on novembre 03, 2009 with 14 Comments

Il bungee jumping (o bungy jumping) è un’attività sportiva che consiste nel lanciarsi da un luogo elevato (per esempio un ponte) dopo essere stati imbragati con una corda elastica.
Un’estremità della corda è fissata al corpo della persona che si lancia (in genere alle caviglie) e l’altra al punto da cui avviene il lancio.
La pratica nasce come rituale d’iniziazione in Australia, precisamente nell’arcipelago delle Isole Nuove Ebridi, a largo dell’oceano Pacifico. Chi lo pratica al giorno d’oggi invece lo vive come un gioco e si lancia per provare emozioni, “sentire l’adrenalina”, sfidare la forza di gravità e superare i propri limiti.
Dal 1993, anno in cui venne costruito il primo elastico da lancio, più di un milione di persone nel mondo si è lanciato e si è abbandonato alla forza gravitazionale.
I primi salti vennero effettuati negli anni Settanta ma erano illegali; si usavano cavi di caucciù, non molto sicuri. Oggi l’attrezzatura consiste di materiale da alpinismo omologato e materiale specifico da bungee.

L’Elastico
L’elastico del bungee jumping viene fissato alla piattaforma e alle caviglie del saltatore (tramite 2 cavigliere) ed è costituito da una piattina (una striscia di venti fili di lattice incollati) passata circa cinquanta volte tra due anelli; una seconda serie di piattine viene poi applicata alla prima, per rinsaldare la corda ottenuta.
L’elastico può estendersi fino al 650% della sua lunghezza iniziale e pesa all’incirca 50 Kg. Nonostante offra una sicurezza pressoché totale per circa 1000 lanci, viene comunque sostituito dopo poco più di 200 salti. Il costo medio di un elastico è di all’incirca di 4000-5000 €. A seconda del peso del lanciatore viene utilizzata una corda diversa.
La corda di sicurezza [modifica]Questa parallela all’elastico ed è una corda da alpinismo ad alta resistenza agli strappi. Nel caso l’elastico dovesse rompersi, entra in gioco la corda di sicurezza, legata al saltatore tramite un imbrago da alpinismo.

L’imbragatura
L’imbragatura è composta da 2 elementi: cavigliere e imbrago da alpinismo. Le cavigliere sono di tessuti ad alta resistenza, fissati tramite del velcro e munite di strisce che consentono l’aggancio,tramite moschettoni, all’elastico. L’imbrago d’alpinismo invece viene fissato al bacino e al torace, questo serve solo da attacco alla corda di sicurezza.

Controindicazioni
Costituiscono controindicazioni per chi intende saltare:

* cardiopatie di qualsiasi natura: agitazione e paura, la forte accelerazione, lo strattone del primo rimbalzo possono interagire: agitazione e paura, la forte accelerazione, lo strattone del primo rimbalzo possono interagire
* sincopi o svenimenti di qualsiasi natura: questo può creare grossi problemi nella fase di recupero del saltatore
* alterazioni strutturali delle vie arteriose e venose: a causa della forte decelerazione e strattone.
* danni dell’apparato osseo, muscolo-tendineo e delle articolazioni: lo strattone può creare grossi danni, in presenza di ulteriori stati patologici
* patologie otorinolaringoiatriche con disturbi dell’equilibrio: i centri vestibolari vengono sollecitati dallo strattone e dai rimbalzi
* patologie neurologiche centrali e periferiche (paralisi, paresi, epilessia, ecc.), psicosi, nevrosi importanti
* patologie dell’apparato genito-urinario
* stato di gravidanza: forte decelerazione del feto, rischio di distacco della placenta, lesioni al feto…
* patologie oculistiche (miopia grave, miopia degenerativa, glaucoma, ecc.): a testa in giù aumenta l’afflusso di sangue agli occhi
* soggetti sotto l’influsso di droghe e alcool

Preparazione
Una volta giunti sul sito di lancio è ormai prassi dovere compilare e firmare una serie di documenti che non solo declinano la ditta da ogni responsabilità ma autocertificano lo stato di buona salute.
Fatto questo si dichiara il peso e si viene imbragrati per il lancio. Fuori pedana si viene fissati all’elastico tramite le 2 cavigliere e alla corda di sicurezza tramite l’imbragatura d’alpinismo.
Fatto questo viene spiegato il salto e si viene accompagnati alla pedana di lancio. Qui tramite un countdown si riceve l’ordine di lancio.

Il lancio
Si svolge da una pedana oppurtanemente fissata alla zona di lancio(ponte o gru che sia). Seguiti sempre dal personale si viene “spinti” al lancio tramite countdown. Di norma ci si deve spingere in avanti, con la faccia rivolta verso la caduta e braccia aperte. Qui abbiamo diverse fasi:

* Caduta libera: dove in pratica l’elastico ancora non è in tiro. In base all altezza del sito di lancio e alla lunghezza dell’elastico,la caduta può durare diversi secondi,a seconda dei quali ovviamente si raggiunge una certa velocità e accelerazione di gravità. In teoria con soli 3 sec di caduta libera si dovrebbero raggiungere i 97 km/h, ma resistenza aerodinamica del corpo umano, abbinata al peso dell elastico stesso che aiuta a vincere questa resistenza,fanno si che la velocità di caduta sia leggermente diversa.
* Messa in tiro dell’elastico: qui l’elastico entra in tensione, cominciando la sua fase di allungamento.Qui si percepisce lo strattone. A seconda della posizione del corpo, questa fase viene percepita in modo diverso:di solito durante la fase di caduta libera,il corpo ruota in avanti arrivando allo strattone quasi verticale. Ma può accadere che il corpo sia ancora orizzontale, rendendo lo strattone più “violento” di quello che è.
* Allungamento elastico: qui si continua a cadere verso il basso, con una notevole decelerazione, dovuta all elastico che si allunga.
* 1° Rimbalzo: la forza elastica accumulata dalla corda viene restituita e si ritorna verso l’alto con conseguente ricaduta in basso.
* 2° Rimbalzo: dovuto alla ricaduta del 1° Rimbalzo ma di entità inferiore
* 3° Rimbalzo: dovuto al ritorno del 2° Rimbalzo, con un’escursione decisamente inferiore.
* Penzolamento: quando rimbalzi e dondolamenti vari sono finiti si rimane appesi all’elastico. Qui in teoria si rimarebbe a testa in giù, con un notevole afflusso di sangue alla testa. Per evitare questo,la corda di sicurezza nel suo primo tratto è munita di nodi per permettere al saltatore di risalire a mano verso i piedi,attaccarsi a delle maniglie poste nel terminale dell’elastico e attendere la discesa.
* Discesa: in questa fase, tramite un motore elettrico posto alla pedana di lancio, viene rilasciata corda, permettendo così al personale di posto a terra, di recuperare il saltatore e liberarlo dalle imbragature.
* Risalita corda: in questa fase l’elastico è libero dal saltatore e sempre tramite motore viene parzialmente riavvolto verso l alto. La fase di recupero del terminale viene effettuata a mano dal personale che,dopo averlo recuperato, lo ricollega ad un altro saltatore.

In Italia
Il Bungee Center italiano è attivo da 11 anni e si trova vicino Biella. I lanci si effettuano da un ponte che, con e per i suoi 152 m di altezza, è soprannominato Colossus.

Incidenti e precauzioni
Nel 1998 si sono verificati 2 incidenti non mortali, a carico di due organizzazioni ora non più attive.
Nel 2002 a Terni, presso la cascata delle Marmore, si è verificato il primo incidente mortale in Italia, dovuto ad un errore umano del team. È consigliabile, per chi volesse lanciarsi da un ponte o anche da una gru, assicurarsi che il Bungee Center abbia l’approvazione del SISE (standard italiano salto con elastico), perché garanzia di sicurezza. Nonostante la natura estrema dello sport e la situazione critica in cui si pratica, gli incidenti sono comunque estremamente rari, e sono quasi sempre dovuti ad imprudenza.

I salti più alti nel mondo
Il salto più alto del mondo si trova in Svizzera, nei pressi di Locarno; ci si lancia dalla diga idroelettrica della Verzasca dall’altezza di 220 m. Questo salto è molto conosciuto poiché venne utilizzato per girare la prima scena del film 007: James Bond, Goldeneye.

Il secondo “Bungee Jumping” del mondo è invece in Sudafrica, presso Plettenberg Bay; il salto avviene da un ponte sul fiume Bloukrans, da 216 m di altezza.
Sempre nell’Africa meridionale, in Zambia, si può saltare da un ponte nei pressi delle Cascate Vittoria, da 111 m di altezza.

In assoluto, il salto più alto si troverebbe negli Stati Uniti al Royal Gorge Bridge, in Colorado, da una piattaforma la cui altezza è di 321 m; questo salto è stato tuttavia possibile solo due volte fino ad oggi (2007), la prima volta il 6-7 ottobre 2005 e la seconda il 14-16 settembre 2007 in occasione dei “Royal Gorge Go Fast Games”, manifestazione durante la quale si pratica normalmente il B.A.S.E. Jumping.

In Europa è rinomato il salto dalla Donauturm (“Torre sul Danubio”) a Vienna.
In Italia, il salto più alto è da un viadotto che si trova nell’Altopiano di Asiago (Vicenza)in Val Gardena, di ben 187 metri, nella strada che collega Foza ad Enego. Sempre in Italia è attivo a Mosso, provincia di Biella, il primo bungee jumping center italiano, installato presso il viadotto di località Pistolesa.Altezze più elevate si possono raggiungere saltando, per esempio, da una mongolfiera.

Condividi

14 Comments

There are currently 14 Comments on Bungee Jumping: Storia e Informazioni tecniche. Perhaps you would like to add one of your own?

  1. salve vorrei sapere se esiste un’altro centro, oltre biella,che ti permette di fare buggy jumping
    grazie

  2. Ciao ecco un elenco di tutti i bungee Center che conosciamo

    1. Bungee Jumping sul fiume Isonzo . Se hai voglia di sensazioni estreme e pensi di avere già provato tutto nella vita, affronta il Bungee Jumping, una sfida che ti farè volare da un’altezza di 55 metri. Slovenia [ Nova Gorica – Fiume Soca ]
    2. Bungee jumping in Veneto L’esperienza prevede un salto in bungee jumping in solitaria presso il ponte di Asiago (provincia di Vicenza), da 175 metri di altezza: è il salto in bungee più alto d’Italia. Veneto [ Vicenza – Ponte di Asiago, Vicenza ]
    3. Bungee Jumping in Piemonte Il bungee jumping: la più rinomata sfida alla gravità appesi ad una corda elastica. Un lancio da un ponte alto 152 metri per superare i 100 km/h in circa quattro secondi. Piemonte [ Biella – Veglio, Biella ]
    4. Bungee jumping 007 Goldeneye L’esperienza prevede un salto in bungee jumping in solitaria dalla diga idroelettrica della Verzasca in Svizzera, dove sono state girate le scene iniziali del film di 007 “GoldenEye”. Svizzera [ Locarno – Ticino – Svizzera ]

  3. ciao vorrei sapere se era possibile noleggiare gru x praticare il bungee jumping i prezzi e i permessi che servono grazie

  4. vorrei saltare dalla diga della verzasca (ch) x i miei 18 che e a luglio ma non so come iscrivermi…. chi mi dice come fare xfavore….

  5. Ciao, vorrei saltare da Ponte Veglio, sabato, c’è qualcuno che va e mi da un passaggio da Milano o dalla Stazione di Cossato?….il servizio navetta costa più del salto!!…..che palle!!..

  6. Quando si svolgerano il salti o al meno dove ?
    Grazie

  7. Salve, volevo sapere se l’attrezzatura (elastico ecc.) sono messi a disposizione del Bungee Center, oppure bisogna comprarli personalmente? Ho visto che hanno un costo abbastanza elevato.

  8. Salve, desidero ricevere informazioni riguardanti le modalita’ di prenotazione e costi dei bungee center di Vicenza e Nova Gorica.
    Grazie, attendo vostre notizie.
    Cordiali saluti

  9. ciao parlo a nome di un gruppo di amici che vorrebbe saltare ma non conosciamo ne luogo ne un numero telefonico un ringraziamento a priori

  10. ciao a tutti .. vorrei provare il salto e perche’ no subito dai siti piu’ alti dal ponte di asiago o dalla diga in svizzera,,, vi va di andare assieme?? potremmo fare un fine settimana cosi pieni di adrenalina la sera ci sivertiamo anche e la somenica rientriamo.. io sono toscano fatemi sapere che ci divertiamo

  11. Buon giorno, dove posso comprare gli elastici per il jumping, e mi comunicate per favore il nome di un esperto..?
    Grazie, e per favore, rispondetemi.

  12. Ciao spero mi possiate aiutare io cerco orami da mesi un posto dove poter fare bungee jumping in tandem, biella non lo fa più, jesolo so che ancora lo fa ma cercavo una località per poter saltare da un ponte, spero mi possiate aiutare, in caso mi potreste mandare i contatti per favore??
    grazie mille a tutti

  13. Ciao nel lazio e possibile fare questa disciplina vicinanze Roma
    grazie a tutti

  14. sapete dirmi se da Asiago si salta ancora??mi sembrava di aver sentito che non si fa più,eventualmente bisogna rivolgersi all’IVAN TEAM???

Leave a Comment

Lascia questi due campi così come sono: