Una bella scarica di adrenalina per Bertrand Grospellier, al mondo del poker e degli sportivi noto con il soprannome di Elky, che ha deciso di tentare uno dei salti di bungee jumping più estremi, lanciandosi dalla Macau Tower da un’altezza di 233 metri. Un salto nel vuoto da record che certamente resterà nella storia del temerario Elky, che è solito stupire i suoi fan con questo tipo di iniziative.

Tanto coraggio e molto sangue freddo per il poker player francese, che si butta in simili imprese senza paura, successivamente apostrofandole come “cose da poco, che tutti farebbero”. Del resto lui è l’uomo dei record, come dimenticare nel giugno del 2011 l’Event 21 delle World Series of Poker: Bertrand si portò a casa più di 300.000 dollari, strappando la vittoria letteralmente dalle mani di un superlativo Steve Landfish, il cui gioco aveva spinto Chris Tryba, Kevin Tang e Chad Brown ad abbandonare il tavolo. Il tutto a seguito di una storica rimonta e di una partita lunga quattro ore.

La vittoria, in quell’occasione, permise al francese di diventare il quarto giocatore della storia a ottenere la Triple Crown: un titolo per ciascuno dei tre grandi tornei più importanti al mondo, per l’appunto le World Series of Poker, l’European Poker Tour e il World Poker Tour. Prima di lui ci erano riusciti solo Gavin Griffin, Roland de Wolfe e Jake Cody.

Se a Macao il francese si è lanciato dalla torre più alta della città, in attesa di iniziare l’APPT, Elky era arrivato addirittura in bicicletta da Cannes in occasione del torneo di Sanremo. Che dire poi dell’incontro di Kick Boxing con Lex Veldhuis? I due se le sono date di santa ragione.

E c’è da credere che non finirà qui, Elky non sembra accontentarsi dell’adrenalina messa in circolo da una partita di poker, e pare ricercare, al contrario, continuamente nuove emozioni legate agli sport estremi. Il ragazzo, in effetti,  ha coraggio da vendere: guardare per credere!

 

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata